Cus Jonico, oggi a Caserta per trovare continuità

Cus Jonico, oggi a Caserta per trovare continuità

I rossoblù all’ombra della Reggia proveranno a bissare l’ottima prestazione della gara con Sant’Antimo

 


Un match importante, che può sicuramente darci una risposta sul ruolo che il Cus Jonico può rivestire in questo girone maledettamente complicato, soprattutto dopo la bella vittoria casalinga di domenica scorsa maturata contro la Geko PSA Sant’Antimo.

Stasera i rossoblù guidati in panca da coach Olive sfideranno in terra campana la JuveCaserta 2021, squadra dal passato glorioso come testimoniano la Coppa Italia e lo Scudetto vinti a cavallo tra 1988 e 1991 (prima squadra del Sud a vincere il Campionato A1, è bene ricordarlo).

Tra le fila dei bianconeri ci sarà l’ala Biagio Sergio, l’anno scorso pedina fondamentale in riva allo Ionio. “A Taranto ho trovato una famiglia appassionata di basket, mi sono sempre sentito a casa – ha dichiarato lo stesso Sergio durante la puntata di “Terzo Tempo” andata in onda giovedì scorso sui nostri canali social –. Nella scorsa stagione abbiamo scritto una bella pagina di basket, salutando i playoff a testa alta e contro la squadra che poi sarebbe stata promossa in A2 (Rimini). In estate è stato più facile accettare di venire qui a Caserta, praticamente a due passi dal paese in cui sono nato, ma ho tanti bei ricordi del Cus. Sfideremo una squadra in forma, ma lo faremo davanti al nostro pubblico che ci darà la carica”.

La compagine campana, allenata da coach Luise, può vantare uno starting five di tutto rispetto, formato da Sperduto (55 punti per lui in campionato), Drigo (21 rimbalzi) e Mei (7 assist), oltre allo stesso Sergio e a Lucas.

Ma gli ionici sono concentrati e vogliono mantenere il positivo ruolino di marcia delle prime tre giornate. “Giochiamo in un campo ostico – le parole dell’assistant coach Claudio Carone – in un ambiente caldo come quello di Caserta. Il loro quintetto ideale è composto da giocatori di categoria, ma anche le soluzioni a cui Luise può attingere dalla panca non sono da meno, si tratta di uomini di spinta che possono decidere di premere sull’acceleratore in qualsiasi momento. C’è sicuramente da stare in guardia”.

Il Cus Jonico si approccerà alla partita a ranghi completi, dopo il ritorno di Conte nell’ultima gara: ci sono tutti i presupposti per far bene, considerando anche gli attuali livelli di self-esteem post vittoria contro Sant’Antimo. Primo pallone che sarà scodellato alle ore 18 al Palazzetto dello Sport di Caserta.