05
Dom, Lug

Coronavirus, nessun caso in Puglia

Coronavirus, nessun caso in Puglia

Ambiente

Dalla Regione disposizioni in materia di prevenzione. Nel frattempo si stanno valutando dei casi i cui sintomi sono “sovrapponibili” a quelli del “COVID-19" e si impongono alcune precauzioni per coloro, studenti soprattutto, provenienti dalle zone dei focolai

Nessun caso di Coronavirus in Puglia. A comunicarlo il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano. “Ci sono al momento cinque casi che presentano sintomi sovrapponibili a quelli del Coronavirus e sono tutti in corso di accertamento. – spiega una nota sulla sua pagina Facebook il Governatore  - Non è possibile per la Regione Puglia, in mancanza di un caso accertato, emanare un’ordinanza a seguito del decreto legge del 23 febbraio 2020 e delle comunicazioni odierne da parte del ministro della Salute e del ministro per gli Affari regionali. Domani mattina alle ore 10 il Capo nazionale della protezione civile ha convocato tutti i presidenti di Regione per dare disposizioni in materia. In attesa della riunione di domani, - prosegue - il presidente Michele Emiliano ha comunque impartito alcune disposizioni in materia di prevenzione, alla luce dei flussi di persone – in particolare studenti – che stanno rientrando in Puglia da Regioni con focolai”. “La Task Force regionale è al lavoro dall’inizio dell’emergenza  – prosegue - su tutti gli aspetti organizzativi ed è inoltre in contatto permanente con la sala operativa della Protezione civile”

Tra le precauzioni dall’Ente l’invito a “tutti i cittadini che rientrano in Puglia provenienti dal Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e che vi abbiano soggiornato negli ultimi 14 giorni, a comunicare la propria presenza nel territorio della Regione Puglia con indicazione del domicilio al proprio medico di medicina generale ovvero, in mancanza, al Servizio Igiene e Sanità Pubblica del Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Locale territorialmente competente al fine di permettere l’esercizio dei poteri di sorveglianza sanitaria”.