09
Gio, Lug

Coronavirus, chiuse le scuole di 4 comuni pugliesi. La Regione riduce il Superticket

Coronavirus, chiuse le scuole di 4 comuni pugliesi. La Regione riduce il Superticket

Salute

Aradeo, Galatina, Nardò e Galatone, queste le cittadine che, su misura preventiva dei propri sindaci, non apriranno i battenti dei propri plessi né oggi né domani. Nel frattempo la la Giunta regionale ha abbassato il costo della “tassa” applicabile su alcune tipologie di visite e ricette: da 10 euro a 0,50

I sindaci di Aradeo, Galatina e Nardò hanno disposto per oggi la chiusura delle scuole per garantire la sanificazione degli ambienti. Si tratta di un provvedimento che segue il caso di positività al Coronavirus accertato su un 58enne di Aradeo ricoverato presso l'ospedale di Galatina. Da quanto si apprende l'uomo avrebbe avuto contatti di lavoro in Lombardia, a Milano, da dove sarebbe tornato da poco. La chiusura delle scuole a Nardò deriva dal fatto che un famigliare del 58enne frequenta un istituto scolastico. Anche il sindaco di Galatone, comune confinante con Galatina e Aradeo, ha disposto la chiusura oggi e domani e la sanificazione delle scuole di ogni ordine e grado. 

Nel frattempo la Regione abbassa il prezzo del Superticket per diverse fasce di pazienti, non più 10 euro, bensì 0,50. Le categorie interessate alla riduzione di 9,50 euro per ciascuna ricetta sono:

- Assistiti appartenenti a nuclei familiari con reddito annuo fino a 23.000,00 euro, incrementato di 1.000,00 euro per ogni figlio a carico (codice di esenzione E96 e codice di esenzione E94);

- Assistiti minorenni privi di esenzione;

- Assistiti di età uguale o superiore a 65 anni privi di esenzione.

La riduzione del super ticket decorrerà, cosi come previsto dal Decreto, dopo l’approvazione da parte del Comitato paritetico permanente per la verifica dell’erogazione dei livelli essenziali di assistenza e da parte del Tavolo per la verifica degli adempimenti. Entro la data di avvio saranno predisposti gli adeguamenti ai sistemi informativi regionali senza alcun adempimento da parte degli assistiti che non avranno bisogno di recarsi presso gli uffici ASL per ottenere le esenzioni che saranno operate automaticamente.

(ANSA)