27
Mer, Mag

Il Taranto ferma la capolista sullo 0-0

Il Taranto ferma la capolista sullo 0-0

Sport

Partita non bella e terminata con un risultato a occhiali quella disputata oggi allo Iacovone tra Taranto e Bitonto ma che alla fine lascia i rossoblu con l’amaro in bocca per le maggiori occasioni da rete costruite

Partita non bella e terminata con un risultato a occhiali quella disputata oggi allo Iacovone tra Taranto e Bitonto ma che alla fine lascia i rossoblu con l’amaro in bocca per le maggiori occasioni da rete costruite.

Panarelli ripropone il 4-4-2 lasciando in panchina un Peppe Genchi non al massimo della condizione. Al suo posto Actis Goretta. Difesa in emergenza: senza gli squalificati Luigi Manzo e Allegrini e l'infortunato Benvenga è il centrocampista Matute a giocare come centrale con Ferrara, con Marino sull’out di sinistra. Bitonto con il classico 352 con Patierno in campo regolarmente nonostantenon al meglio della condizione. Curva Nord praticamente deserta per la protesta dei gruppi organizzati nei confronti della dirigenza del Taranto e pochi intimi in gradinata e tribuna.

Primo tempo sornione con poche occasioni e eventi da segnalare.

All’ 11' la prima vera occasione da gol del match che è di marca bitontina: Lattanzio si accentra, spara dal limite, ma la conclusione finisce di poco a lato.

Due minuti più tardi è Oggiano che ci prova, dopo una combinazione con Goretta, ma senza fortuna.

Al 21’ si mette in mostra il portiere Sposito che devia in angolo un colpo di testa di Lomasto su calcio di punizione dalla trequarti dell’ex Marsili.

Al 37' prima sostituzione per il Taranto: fuori Stefano Manzo, lussazione alla spalla destra per lui, dentro il belga Van Ransbeek.

Si chiude, dopo un solo minuto di recupero, la prima frazione di gioco.

Ionici più effervescenti nella ripresa, già al 57' vicinissimo al vantaggio con Guaita che libera Goretta che calcia a botta sicura, ma centra in pieno la traversa.

Passano solo dieci minuti e Genchi appena entrato al posto di Olcese, servito in area da Guaita conclude verso la porta nero-verde ma il suo tiro viene parato da Figliola che si rifugia in angolo.

Al 70' Taranto ancora vicinissimo al vantaggio: palo di Van Ransbeek direttamente su calcio di punizione. Secondo legno per i rossoblu dopo la traversa di Goretta.

Le sostituzioni e quasi sei minuti di recupero conducono la gara alla conclusione con i rossoblu che escono tra gli applausi dei pochissimi spettatori presenti.

Pareggio positivo per il Taranto visto l’attuale momento ma che visti i risultati degli altri campi spinge la compagine ionica fuori dalla zona playoff che perdono il quinto posto in graduatoria ai danni del Casarano.

TARANTO 442: Sposito; Pelliccia, Matute, Ferrara, Marino; Guaita, Stefano Manzo (37' Van Ransbeek), Cuccurullo, Oggiano (83' Avantaggiato); Goretta (90' Serafino), Olcese (64' Genchi). Panchina: Carriero, Petrucci, Cascione, Giammaruco, Masi. All. Panarelli.

BITONTO 352: Figliola; Gianfreda, Lomasto, Colella (68' Amelio); Pierno, Biason, Marsili, Piarulli (55' Terrevoli), Turitto (85' Bollino); Lattanzio (63' Montaldi), Patierno. Panchina: Zinfollino, Zaccaria, Vacca, Merkaj, Foufouè. All. Taurino.

Arbitro: Mattia Ubaldi di Roma 1. Assistenti: Vittorio Consonni di Treviglio e Ferdinando Pizzoni di Frattamaggiore.

Ammoniti: Lomasto, Pierno, Piarulli, Lattanzio (B); Olcese (T).

Angoli: 5-2