18
Dom, Ago

Am e Teleperformance. Vietri: “Vigilerò”

Am e Teleperformance. Vietri: “Vigilerò”

Politica

All' apprensione per i 1400 operai, attualmente in amministrazione straordinaria, posti in cassa integrazione, si aggiungono ulteriori preoccupazioni per migliaia di altri lavoratori della provincia. Il Consigliere Provinciale e Comunale di Forza Italia invita la politica a mettere da parte per il momento la campagna elettorale e ad adoperarsi per una soluzione efficace

Giampaolo Vietri, Consigliere Provinciale e Comunale di Forza Italia definisce inaccettabile l'intenzione di Arcerol Mittal di ricorrere alla cassa integrazione ordinaria per 1400 lavoratori “visto che – scrive - il colosso mondiale dell’acciaio ha acquisito solo sei mesi fa lo stabilimento con tutte le garanzie e tutele da esso richieste. Sempre di questi giorni è inoltre la notizia della perdita della commessa di Enel Energia da parte di Teleperformance che crea anch’essa ansie e mette in evidenza, ancora una volta, la precarietà del sistema dei call center. Nonostante la stessa Enel Energia si è affrettata a rassicurare dipendenti di Teleperformance, con la garanzia dei posti di lavoro attraverso la clausola sociale, ciò non elimina le nostre preoccupazioni. A breve ci sarà una riunione a Roma con la System House, l'azienda che si è aggiudicata la commessa di Enel Energia, dove i sindacati incontreranno i vertici della società per capire meglio come si svolgerà, sotto un profilo contrattuale, il passaggio dei circa 400 operatori di Teleperformance attualmente impiegati sulla commessa”.
Vietri assicura poi: “Come tutte le vicende che ricadono sul nostro territorio, seguirò con grande attenzione tanto gli eventi che continuano ad investire gli operai del siderurgico tanto quelli che rischiano di far regredire le condizioni di lavoro dei lavoratori di Teleperformance. Le prossime competizioni elettorali però accendono già da ora gli animi anche su questi temi: alimentare lo scontro politico non porta beneficio alcuno ai lavoratori e soprattutto non bisogna giocare sulla loro pelle. Occorre per questo che le forze politiche e le istituzioni locali tutte concorrano, ognuno per quello che è il proprio ruolo, con le forze sociali alla più veloce risoluzione possibile di queste vertenze. Vigilerò pertanto su queste vicende e offrirò il mio contributo nelle istituzioni nelle quali sono eletto a tutela di questi lavoratori a cui esprimo la mia sentita vicinanza e solidarietà”.