16
Dom, Giu

Upupa contro processionaria

Upupa contro processionaria

Attualità

L'amministrazione comunale procede da un lato alla rimozione dei nidi di processionaria, dall'altro alla realizzazione, grazie al WWF,di 80 “casette” per l'upupa. Si tratta di una soluzione ecocompatibile da utilizzare come insetticida per il lepidottero

Approvato dalla Giunta Melucci un protocollo d’intesa finalizzato alla realizzazione di nidi che accoglieranno l’upupa, controllore biologico della processionaria.Si tratta di un'assoluta novità sul territorio tarantino. “Abbiamo inteso attivare - commenta l’Assessore all'Ambiente, Francesca Viggiano - un servizio parallelo a quello della rimozione dei nidi di processionaria attraverso la realizzazione di 80 “casette” ecocompatibili da installare in tutto il territorio cittadino, secondo le indicazioni che ci fornirà la LIPU, sempre attenta alla tutela dei volatili”. Le casette verranno realizzate dal WWF Taranto, partner dell’iniziativa, e la loro installazione consentirà l’avvio di un processo lotta sostenibile alla processionaria.
Giova ricordare che, se assolutamente innocua una volta diventata farfalla adulta, è invece molto pericolosa nello stadio di larva (o bruco) per la salute umana e per gli animali.E' inoltre possibile trovare facilmente la processionaria sul territorio comunale, per la notevole presenza di pini

 

Fanizza Group Carglass