04
Sab, Apr

Scoperta piantagione di marijuana a Castellaneta: 14mila piante. Arrestate sei persone

Scoperta piantagione di marijuana a Castellaneta: 14mila piante. Arrestate sei persone

Cronaca

Individuata e sequestrata una delle più imponenti coltivazioni di marijuana mai rinvenute in Puglia, in agro di Castellaneta, (Taranto) pari a circa 7000 metri quadrati. Arrestate in tutto sei persone, cinque italiani e un marocchino

Individuata e sequestrata una delle più imponenti coltivazioni di marijuana mai rinvenute in Puglia, in agro di Castellaneta, (Taranto) pari a circa 7000 metri quadrati. Un’operazione, eseguita in modo congiunto dai dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Finanza di Bari, della Tenenza di Castellaneta e del Reparto Operativo Aeronavale del capoluogo pugliese, coordinati dai Comandi Provinciali di Bari e Taranto ha visto l’arresto di sei persone, cinque italiani e un marocchino.   

La piantagione era situata lungo la Strada Provinciale 13, nelle vicinanze del fiume Lato, zona che, per clima e caratteristiche idrogeologiche del terreno, ben si presta a colture della specie e su un terreno di una nota azienda agricola e di allevamento di cavalli, sul quale erano state impiantate circa 14000 piante di Cannabis, connotate peraltro da una genetica molto particolare. Le pianti, infatti, hanno un’altezza piuttosto ridotta, che difficilmente supera il metro, ma si presentano, ricche di infiorescenze, a vantaggio del tenore complessivo di principio attivo che, a seguito delle analisi di laboratorio si è rivelato considerevolmente elevato.

I militari sono penetrati nel fondo durante le fasi di lavorazione della Cannabis, sorprendendo sei persone, alcune delle quali impegnate nella raccolta delle piante, altre nella selezionatura delle infiorescenze da cui sarebbe stata ricavata la marijuana e altre all’irrigazione di una parte del terreno coltivato da piante non ancora “mature”. Alla vista dei finanzieri i responsabili si sono dati alla fuga nelle campagne circostanti, ma sono stati tutti bloccati ed arrestati in flagranza di reato dopo un lungo e rocambolesco inseguimento a piedi.

I cinque soggetti (un castellanetano di 49 anni, tre calabresi rispettivamente di 47, 36 e 28 anni ed un marocchino di 52 anni, irregolare sul territorio Italiano) già con precedenti  sono stati arrestati e condotti al carcere di Taranto. II sesto, incensurato di 20 anni, figlio di uno degli arrestati, è stato sottoposto ai domiciliari. Circa 7 milioni le possibili dosi, fruttando cosi all’organizzazione criminale guadagni per oltre 10 milioni di euro.

Fanizza Group Carglass