31
Sab, Ott

Castellaneta (TA), operazione “Fuoco amico”: arrestate 3 persone

Castellaneta (TA), operazione “Fuoco amico”: arrestate 3 persone

Cronaca

Commissiona lavori ad un altro artigiano e si ritrova in fiamme l'officina

Questa mattina a Castellaneta (Taranto) i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia Carabinieri hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale jonico a carico di tre persone ((P.G. 29 anni, C.D. 51 anni e P.D. 52 anni) ritenute, a vario titolo, responsabili di incendio in concorso, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

L’indagine denominata Fuoco amico”, è partita quando lo scorso febbraio, intorno alle 23 venne appiccato un incendio ai danni di un’officina concessionaria del luogo (appartenente ai fratelli Pinto).

I militari accertarono che ignoti dopo aver tranciato la rete metallica di recinzione, in corrispondenza della finestra dei locali adibiti ad ufficio, avevano appiccato il fuoco attraverso lo stesso infisso, con del liquido infiammabile.

Nonostante l’intervento tempestivo dei Vigili del fuoco si registrarono ingenti danni al fabbricato, distrutti vari documenti contabili, dodici computer, stampanti e materiale informatico, oltre a due autovetture.

Dopo aver visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza e acquisito testimonianze si sono accumulati numerosi indizi di colpevolezza a carico dei tre: individuato il mandante e gli esecutori materiali. Inoltre, in possesso dello stesso mandante e di altri tre complici: cocaina, eroina ed hashish, ai fini di spaccio.

Nel corso dell’indagine, è emerso inoltre che il mandante era legato alle vittime, da rapporti di amicizia, essendo un fabbro, con officina attigua al luogo del delitto, ma anche per aver eseguito lavori per conto delle stesse. Da qui il presunto movente: pregressi dissapori avendo le vittime commissionato lavori ad altro artigiano del luogo, anziché al mandante.

Fanizza Group Carglass