20
Gio, Feb

Osservatorio Galene, Cataldino: “Strumento di valorizzazione del Mar Piccolo”

Ambiente

Apprezzamento da parte del Comune per il nuovo organismo, motore del sistema di sostenibilità dell’area

L’amministrazione Melucci esprime apprezzamento per l’istituzione ufficiale dell’Osservatorio Galene, organismo che si occuperà della valorizzazione e sostenibilità del sistema Mar Piccolo, fortemente voluto dal Commissario Straordinario alle bonifiche Vera Corbelli. Lo fa sapere una nota da Palazzo di Città. “Abbiamo condiviso con convinzione, con i 31 soggetti sottoscrittori - fa sapere l’assessore allo sviluppo economico Gianni Cataldino - la nomina a presidente dell'Osservatorio del presidente di Confcommercio Taranto Leonardo Giangrande e dei vicepresidenti Fabio Millarte e Cosimo Bisignano. A loro i nostri auguri di buon lavoro. L’organismo potrà ora iniziare questo percorso di valorizzazione e riqualificazione del Mar Piccolo di Taranto, - prosegue - avviato dal Commissario Straordinario, con la partecipazione di istituzioni locali, forze dell’ordine e militari, enti pubblici, mondo produttivo e scientifico ed esponenti della società civile. All’attenzione dell’assemblea, come primo tema, la proposta di istituzione di un Parco del Mar Piccolo da parte della Regione Puglia. Il Comune di Taranto ha chiesto all’assessore regionale Alfonso Pisicchio di approfondire l’argomento, esistendo forti perplessità sulla questione da parte di più portatori di interessi, corpi largamente rappresentativi e finanche istituzioni. Il Comune di Taranto non ha preconcetti rispetto al Parco e desidera studiare e soprattutto far sì che sia ormai Taranto a decidere di Taranto perché da certi provvedimenti non si può poi retrocedere e le implicazioni per lo sviluppo della città sono rilevantissime. Memori di quanto questa città abbia subito le scelte negli anni passati, attraverso Ecosistema Taranto ci siamo dotati di un nuovo modello di governance partecipata, - aggiunge Cataldino - che mette al centro una visione chiara e condivisa con parametri di valutazione, per ogni azione decisoria, definiti e mirati. Già al tavolo del Cis e ancora nel 2018 in un’audizione parlamentare, il sindaco Melucci e il commissario straordinario Corbelli sostennero che Taranto possiede tutte le caratteristiche fisico ambientali per realizzare una area marina protetta di valenza internazionale, in linea con le misure poste in essere a livello di distretto per la tutela e sostenibilità delle risorse idriche e del patrimonio connesso, ed in grado di contribuire allo sviluppo socio-economico dell’intera area”.

Secondo l’Assessore “all’Osservatorio Galene veniva demandato proprio il compito di strumento di condivisione e monitoraggio delle azioni relative al sistema Mar Piccolo. Dopo tutto, - precisa - lo stesso strumento dell’Ecomuseo, già attivo, si potrebbe implementare e si presterebbe con maggiore flessibilità a questo orizzonte, senza l’appesantimento di ulteriori vincoli e iniziative poco accorte. Abbiamo apprezzato quanto esposto dai partecipanti all’Assemblea sull’argomento e della volontà di farne tema della prossima riunione. Conosciamo la capacità di ascolto dell’assessore Pisicchio – conclude - e sappiamo che vorrà tenere conto di quanto si è detto nel tavolo in prefettura dello scorso 23 gennaio allo scopo di rilanciare la riconversione economica di Taranto”.